Stella Di Mare Delle Donne Converse HXo8TKJE

SKU6481131542
Stella Di Mare Delle Donne Converse HXo8TKJE
converse Stella Di Mare Delle Donne Converse HXo8TKJE Stella Di Mare Delle Donne Converse HXo8TKJE Stella Di Mare Delle Donne Converse HXo8TKJE Stella Di Mare Delle Donne Converse HXo8TKJE
Menu
Pubblicato da Antonella Potenza
0
0
0

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Gómez-Outes A., Lagunar-Ruíz J., Terleira-Fernández, Calvo-Rojas A.G., Suárez-Gea M.L., Vargas-Castrillón E., Causes of Death in Anticoagulated Patients With Atrial Fibrillation, J Am Coll Cardiol 2016;68:2508-2521.

I pazienti con fibrillazione atriale appositamente trattati con gli anticoagulanti per ridurre il rischio di ictus ischemico, che è spesso un evento fatale o causa di disabilità neurologiche permanenti, presentano comunque un rischio residuo di mortalità per cause indipendenti dall’ictus oppure collegate al sanguinamento – uno degli effetti collaterali della terapia anticoagulante –, in particolare morte improvvisa e scompenso cardiaco.

Uno studio pubblicato sul sottolinea che i pazienti con fibrillazione atriale beneficerebbero di un programma terapeutico multidimensionale, cioè che non si limiti alla terapia anticoagulante, ma si indirizzi alla molteplicità delle comorbidità che frequentemente accompagnano la fibrillazione atriale.

Questo studio è una metanalisi di trial randomizzati di confronto fra anticoagulanti orali diretti (ACOD) e warfarin per la prevenzione di ictus ed embolie sistemiche nei pazienti con FA, avente come endpoint la mortalità.

In totale, sono stati inclusi 71.683 pazienti di 4 trial (134.046 anni-paziente di follow-up). La frequenza di mortalità è risultata del 9% durante il follow-up. Il tasso di mortalità aggiustato era pari al 4,72%/anno. Quasi la metà dei decessi era di origine cardiologica (46%), cioè morte cardiaca improvvisa, scompenso cardiaco e infarto miocardico, mentre una minoranza era associata a ictus non emorragici (5,7%) o a eventi emorragici (5,6%).

Rispetto ai pazienti che sopravvivevano, quelli che morivano avevano più frequentemente una storia di scompenso cardiaco (OR: 1,75), di FA permanente/persistente (OR: 1,38) o diabete (OR: 1,37), erano più frequentemente di sesso maschile (OR: 1,24) e più anziani (differenza media di 3,2 anni) e avevano una clearance della creatinina ridotta (-9,9 ml/min).

È stata documentata inoltre una minima ma significativa riduzione della mortalità per tutte le cause nei pazienti trattati con anticoagulanti orali diretti rispetto ai pazienti in terapia con il warfarin (differenza -0,42%/anno), riduzione associata principalmente a una diminuzione delle emorragie fatali.

L’introduzione dei nuovi anticoagulanti orali potrebbe conferire alcuni benefici in termini di riduzione dei sanguinamenti fatali rispetto agli antagonisti della vitamina K. Tuttavia, considerata la bassa incidenza di decessi associati a fenomeni emorragici nei pazienti fibrillanti in terapia anticoagulante, andrebbe migliorata la gestione delle comorbidità e dei fattori di rischio associati per ridurre l’incidenza di mortalità nei pazienti con fibrillazione atriale.

L’editoriale di commento al trial sottolinea che non andrebbe ignorato l’effetto di un sanguinamento non fatale sulla mortalità a posteriori. Anche se il paziente recupera, frequentemente si innesca una sequenza di eventi che possono compromettere gli outcome. Per tale motivo, andrebbe posta particolare attenzione a proteggere il paziente, riducendo al minimo il rischio di emorragie con l’utilizzo di anticoagulanti più sicuri su questo fronte, alla dose appropriata, e limitando la combinazione con la terapia antitrombotica.

[ Scarica l’articolo in PDF ]

Antonella Potenza

Abbiamo già incontrato il termine variabile un paio di settimane fa quando avevo descritto, ad esempio,come utilizzare e per rendere i nostri sketch interattivi.

Come avevo scritto in quel post:

Oggi impareremo acreare delle variabili personalizzatee capiremo comeutilizzarle nei nostri programmi. Quella di oggi è una lezione di fondamentale importanza perché, come avrete modo di vedere, cambierà completamente il vostro modo di programmare.

Crearedelle variabili

Creare una variabile è un processo relativamentesemplice. I passaggi che dobbiamo fare sono i seguenti:

In poche parole dobbiamo dare un nome alla variabile , dirgli che tipologia di informazione vogliamo che contenga e dobbiamo assegnargli un valore iniziale .Se questi passaggi sono fatti nel modo corretto (e, tra poco, vi spiegherò come fare), poi potremmo usare quelle variabili a nostro piacimento.

Partiamo da un esempio:

Cosa abbiamo fatto con queste due linee di codice? Abbiamo creato una variabile di tipo integer (abbreviato in) chiamata e l’abbiamo inizializzata assegnando un valore pari a .

A una variabile possiamo assegnare il nome che vogliamo senza particolari restrizioni a patto che tale nomenonsia già utilizzatodalla sintassi di Processing. La regola empirica per capire se possiamo utilizzare un nome che abbiamo scelto è: se il nome che assegnamonon cambia colore, non dovremmo avere problemi.

Unabuona pratica da seguire è quella di dare un nome alle variabili che sia significativo e rifletta l’utilizzo che verrà fatto successivamente: questo renderà il nostro codice facilmente interpretabile anche a mesi o anni di distanza.Quindi, benché io possa nominare delle variabili ,, ese quella variabile verrà utilizzata per definire la X di un ellisse è meglio chiamarla, ad esempio,

Dal momento che il nomeche assegniamo allevariabili deve essere un’unica parola, i programmatori utilizzano ilcosiddetto CamelCase per nominare variabili complesse. Nella pratica, si tratta di unire parole diverse tra loro lasciando le iniziali maiuscole (la prima lettera della variabile sempre minuscola). Ecco perché, vedendo dei programmi in Processing, troverete variabili come: backgroundColor oppure radiusValue , ecc…

Ultima nota sui nomi delle variabili:potendo scegliereliberamente le parole da utilizzare non c’è restrizione sulla lingua da utilizzare. Se volete rendere il vostro codice leggibile il più possibile, conviene ovviamenteusare l’inglese.

Tipi di dati

Assegnare il tipo di dato corretto è importante per evitare che il nostro programma smetta di funzionaree ci restituisca un errore. Se, infatti, il programma si aspetta di trovare un numero intero e riceveun numero decimale si bloccherà.

I principali tipi di dati sono:

Esistono anche altri tipi di dati e l’elenco completo può essere trovato nel Reference. Per il momento è sufficiente che impariate quelli descritti qui sopra.

Scopo delle variabili

Le variabili non devono essere per forza dichiarate e inizializzate tutte all’inizio del nostro programma. Possiamo farlo tranquillamente mentre procediamo con la scrittura del codice. Dobbiamo, però, fare attenzioneallo delle variabili ovvero in quale parte di codiceverrà utilizzata.

Anche in questo caso, credo sia meglio partire da un esempio:

In questo breve programma ho creato una variabile circleX di tipo integer all’inizio del programma, nel blocco di codice l’ho inizializzata assegnando un valore pari a 110 e l’ho utilizzatain per disegnare un cerchio. Se copiate e incollate il codice nell’editor di Processing e provate a farlo funzionare, non avrete alcun problema.

Ora cambiamo leggermente il nostro codice:

In questo secondo esempio ho fatto una piccola modifica: ho creato e inizializzato una variabile chiamata circleY all’interno della funzionee l’ho utilizzata all’interno della funzione. Se proviamo a far partire questo programma, otterremo un errore :

Perché Processing non riesce a la variabile circleY pur essendo stata dichiarata e inizializzata?La differenza tra circleX e circleY è che la prima è una variabile mentre la seconda è . Cosa significa? Nel primo caso, essendo stata dichiarata all’inizio, circleXpuò essere usata ovunque all’interno del programma; circleY, invece,è stata dichiarata all’interno della funzione ma viene utilizzata dalla funzionee questo non è possibile. È come se ogni blocco di codice fosse un’entità privata a sé stante e le variabili che vengono dichiarate al suo interno non possono essere utilizzate dagli altri blocchi di codice.

Per farfunzionare questo secondo esempio abbiamo due possibilità: spostare la dichiarazione di circleYall’inizio del programma – l’inizializzazione può, invece, rimanere all’interno di setup() oall’interno di draw() – oppure possiamo spostare la funzione ellipse() dentro il blocco di codice setup().

Nel prossimo post vedremo insieme come modificare una (o più) variabili, controllarne in ogni momento il valoree, attraverso esempi pratici,utilizzarle.

[le variabili sono] dei parametri che possono assumere un valore che può essere cambiato durante l’esecuzione del programma attraverso, ad esempio, semplici funzioni matematiche.

priorità di tempo semiautomatici

Ad essere sincero, e non credo di sbagliare, credo di poter affermare che probabilmente questa modalità di scatto può essere definita LA MODALITÀ DI SCATTO preferita ed utilizzata dalla maggioranza dei fotografi in giro per il mondo.

LA MODALITÀ DI SCATTO

Per quale motivo? Ne parlerò dopo, ma ti posso anticipare che con questa modalità tutto sommato puoi gestire anche il tempo di scatto ( anche se non in modo diretto come nella modalità priorità di tempo ovviamente ).

Per quale motivo?

Photo by Billy Williams

Quando imposti la fotocamera in questa modalità di scatto tu prendi il controllo dell’apertura diaframma che viene indicata in valori numerici anticipati dal prefisso f/ .

valori numerici

Suggerimento: trovi tutto indicato con degli esempi chiari nel precedente articolo !

In questa modalità tu imposti l’apertura del diaframma che ritieni opportuno e la fotocamera si arrangia da sola ad adeguare tutti gli altri parametri per ottenere un’immagine correttamente esposta .

tu imposti l’apertura del diaframma adeguare tutti gli altri parametri correttamente esposta

Torno a richiamare il primissimo articolo sulle basi della fotografia.

In quella occasione ti dicevo che per ottenere un’immagine correttamente esposta bla bla bla (rileggiti l’articolo linciato prima ), devi gestire e combinare correttamente tre fattori:

la sensibilità ISO del sensore il tempo di scatto l’apertura del diaframma

Se non te lo ricordi clicca qui e rileggiti l’articolo base di partenza.

clicca qui

Quando scatti in priorità diaframma (o di apertura) ti devi preoccupare solamente di capire qual’è la profondità di campo e sfocato che vuoi ottenere mentre la fotocamera, in modo automatico , imposta il tempo di scatto corretto e, specie nelle fotocamere più moderne ed evolute, anche la sensibilità ISO .

Una gabbia in cui la cavia (ratto, piccione) può esplorare l’ambiente e compiere casualmente dei comportamenti (pigiare una leva, beccare un tasto).Alcuni di questi comportamenti potevano portare a rinforzare il comportamento, a renderlo cioè più probabile. Ad esempio, beccare un tasto per un piccione poteva determinare l’erogazione del cibo. Così dopo una numero di volte in cui la cavia premendo il tasto otteneva il cibo, per condizionamento operante apprendeva che doveva premerlo sempre se voleva mangiare.

Così è stato introdotto il termine Rinforzo ,cioè la conseguenza del comportamento che determina la frequenza di comparsa dello stesso.

Rinforzo

Col principio del rinforzo è accessibile all’uomo la previsione ed il controllo (modificazione) del comportamento umano. Ognuno di noi quotidianamente lo mette in pratica in maniera involontaria, tanto da creare dei rinforzi non desiderati. Ad esempio è tipico di alcune mamma pensare che il modo più immediato per far smettere di piangere il proprio figlio sia accontentarlo. “Adesso gli compro il giocattolo che tanto desidera, così smette di piangere”pensa. In questo modo ha rinforzato positivamente il comportamento del pianto del bambino, poiché il bambino avrà capito che le volte successive, non per forza tutte, gli basterà mettere in atto il comportamento del pianto per ottenere un giocattolo nuovo (rinforzo).Basta interrompere l’associazione e il comportamento del pianto non si manifesterà più. Queste tecniche sono efficaci per modificare la maggior parte dei comportamenti di bambini e adulti (persino del proprio partner), se si capisce il funzionamento che vi è alla base. Poiché ci sembra un argomento di utilità ed interesse diffuso, lo approfondiremo nel prossimo articolo.

BIBLIOGRAFIA:

-Martini, G., Pear, J. (1999) Strategie e tecniche per il cambiamento. McGraw-Hill.

SITOGRAFIA:

-dialogo psicologia.it

Scritto dalle psicologhe: Maria Bazzano e Giacomina Ferrarese.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Commenti

0
40
0

Etichette: condizionamento fobie paura Pavlov rinforzo

di Marta Loiudice · Published 24 febbraio 2017

di Redazione · Published 2 agosto 2016

di Paola Lomaistro · Published 16 luglio 2016

Seguici:

Articolo successivo
Banca Popolare di Sondrio
  1. Dati societari
  2. Trasparenza
  3. Privacy
  4. Timberland Scarpe Da Uomo Spazio HoTBJ
  5. Lavora con noi
  6. Social media
  7. Contatti
© 1995-2018 Banca Popolare di Sondrio P.IVA 00053810149 ultimo aggiornamento il 21-03-2018
  1. Chi siamo
    1. Nike Air Max Scarpe Thea Qs Joli Femminile YPdD8s
    2. La storia
    3. Scarpe Da Corsa 17 Gtx Gelcumulus Asics 89dQysEw
    4. I valori
    5. Furgoni Nero asher Slipon Scarpe YkHM2
    6. Adidas Crazylight 25 Bassa EkPTq
    7. Dimensioni Donne 10 Skechers Scarpe Da Ginnastica 3lEq4rS
    8. Iniziative particolari
  1. Informativa Societaria
    1. Assemblee
    2. Skechers Shape Up In Bianco E Nero pn9jVTyHTo
    3. Puma Scarpe Mens Bianco NiPwIIL
    4. Bilanci annuali e infrannuali
    5. Calendario eventi societari
    6. Nuovo Equilibrio 990 Grigio Giallo Rosso vyvJCHBwkS
    7. Comprehensive Assessment 2014
    8. Comunicazioni Internal dealing
    9. Timberland 6 Pollici Premium Uomini Neri atZrQt
    10. Furgoni Sk8hi Mte Scarpe Di Ulivo Dx bfpZj
    11. Documento informativo relativo al Piano
    12. Informative al pubblico in tema
    13. Puma Donne Scarpe Da Tennis 2018 xCdBZuU3kE
    14. Ratings
    15. Asics Gel Lyte Iii Nero Verde Bianco kf3iOzUCvX
    16. Regolamento in materia di operazioni
    17. Relazione sul governo societario e
    18. Statuto
    19. Tradizionale messaggio ai Soci e
    20. Varie operazioni finanziarie
  1. Asics Gellyte V Nera / Dolivarossobianco LWpj98Je
    1. Furgoni Mens Decolletes Taglia 8 dPtX87
    2. Le nostre iniziative on line
    3. Territorio e tempo libero
  1. Prodotti e Servizi
    1. Privati
      1. Nike Bitte Huarache Donne 0vAjNAu
      2. Puma Faas 300 V2 Tessuto eiAyct
      3. Carte di pagamento
      4. Finanziamenti
      5. Investimenti
      6. Coperture Assicurative
      7. Mizuno Wave Rider Mens Taglia 12 DCjmZVP
      8. Uomini Converse Pelle Blu RGGle8z4
    2. Aziende
      1. Air Jordan 12 Retro Gg gs Valentines Immagini Al Giorno dPfwj
      2. Scarpe Timberland Outlet Online RQrPYRiOa8
      3. Finanziamenti
      4. Carte di pagamento
      5. Coperture Assicurative
      6. Servizi a valore aggiunto
      1. Servizi on line
      2. Adidas Springblade Infiammarsi Scarpe Da Corsa 6iUKkaLD
      3. Reebok Crossfit Nano 40 Mens Scarpe Da Ginnastica In Palestra Giallo ytagiTZ
      4. Earthkeepers Uomini Timberland Larchmont 6 Pollici Stivali N2GLaqm3
      5. Stella Di Mare Delle Donne Converse DsVFJVlU0J
      6. Certificazione di qualità
  1. Mondo Estero
    1. Servizi estero
      1. Sistemi di pagamento
      2. Garanzie
      3. Finanziamenti
      4. Operazioni su metalli preziosi
      5. Coperture e Trading, Cambi/Tassi/Commodities
      6. Internazionalizzazione